eventi esterni

Capitan capitone e i fratelli della costa

Domenica 3 luglio
Sbarcano a Macao

CAPITAN CAPITONE e i fratelli della costa

Concerto di Daniele Sepe e la sua ciurma di musicisti!

Capitan Capitone: Daniele Sepe
Nostromo: Gnut
Timoniere: Andrea Tartaglia (Tartaglia Aneuro)
Poeta di Bordo: Alessio Sollo (The collettivo)
Sirena: Sara Sossia Squeglia
Carpentiere: Roberto Colella (La Maschera)
Arpioniere: Nero Nelson
Mastro bottaio: Tommy De Paola
Armiere: Paolo Forlini
Amico dell’Armiere: Davide Afzal
Cerusico: Alessandro Morlando
Coffiere: Vincenzo Prebenda

 

A distanza di più vent’anni da "Vite Perdite", l’album che fotografò la Napoli musicale dell’inizio degli anni novanta e che ebbe un enorme risonanza, tanto da essere stampato in tutto il mondo da Piranha, un etichetta berlinese che in quegli anni per Real World era la punta di diamante della world music, provo a scattare una nuova istantanea su Napoli, una città che come un araba fenice non smette mai di sorprendere. Il 7 luglio del 2015 un gruppo di cassintegrati Fiat di Pomigliano mi chiese di organizzare un concerto per sostenere la loro lotta e la loro cassa di resistenza. Fu scelta piazza Dante e in meno di 20 giorni misi insieme più di otto ore di concerto, coinvolgendo decine e decine di band della città. Molte non le conoscevo. Da allora il sodalizio tra chi partecipò a quella bella avventura non si è più sciolto, abbiamo continuato a suonare, mangiare, bere e girovagare insieme. Ci sembra logico fissare su nastro quello che è avvenuto in questi mesi. All’album partecipano davvero in tanti, siamo più o meno una ottantina (non c’è male, eh? Ma anche Vite Perdite non ci scherzava. E sono rimasti fuori tantissimi amici davvero bravi anche loro.) i Foja, La Maschera, ’O Rom, Tartaglia Aneuro, Aldolà Chivalà, Mario Insenga & Hadacol Special, La Contrabbanda di Luciano Russo, Claudio Gnut, Maurizio Capone, Alessio Sollo, Nero Nelson, Sara Sossia Squeglia, Flo Cangiano, Auli Kokko, Piermacchiè, Gino Fastidio….ma attenzione: non è mica che ognuno si canta il suo pezzo e io ci metto dentro l’arrangiamento o il sassofono, noi ci siamo chiusi in studio due settimane, insieme alle vivandiere e alla cambusa, e partendo da zero abbiamo scritto insieme tutto, dalla musica ai testi. Un lavoro collettivo che ci ha fatto scapolare felicemente quest’inverno.

MACAO

Nuovo centro per le arti, la cultura
e la ricerca di Milano

viale Molise 68
20137 Milano

organizzazione.macao@gmail.com

ASSEMBLEA

Ogni martedì dalle 21.30