Si potrebbe anche pensare di volare... LOVE&BORDELLO

SCANDALIZZARE È UN DIRITTO: COMPRIAMOCI L’EX MACELLO

ˇˇˇenglish version belowˇˇˇ

Vogliamo macao perché non volerla sarebbe follia
perché lo amiamo e la amate
perché è curare, immaginare, agire

In questi anni Macao ha creato una contraddizione, l’ha curata perché potesse essere quel luogo dove sperimentare forme e tempi inediti di lavoro, relazioni, politica; un luogo di domanda al presente, in cui donne e uomini - con il corpo, il tempo, l’intelligenza ed il cuore, hanno inventato qualcosa di imprescindibile e insieme possibile per tutt*.
Siamo serie, siamo stanchi di relazioni a metà: vogliamo tutto, osiamo rivoltare il diritto ribellandoci all’imminente.
Di fronte alla possibile vendita delle palazzine di Viale Molise da parte di Sogemi spa, vogliamo rendere lo spazio di Macao un bene della città, invendibile e inalienabile: daje, compriamoci l’Ex Borsa del Macello.

Ci troviamo quindi a ragionare su come mantenere questo spazio, che prima di tutto è un modo di vita. Prima delle sue pareti è uno spazio di relazioni, un punto dove entra e esce la città, un significante.
Vogliamo mantenere questo spazio perché ha una storia, ha un presente ed immagina un futuro dal quale non possiamo prescindere; per questo non accettiamo che venga venduto secondo logiche speculative e senza un progetto reale per la città: Macao oggi è uno spazio attraversato in modo continuativo da persone, progetti e visioni. Bisogna arrendersi: la Palazzina di Viale Molise 68 non è più uno spazio di pochi; da quasi cinque anni, non è più un luogo privato.

Sappiamo che mantenere questo spazio, concretare definitivamente la sua vocazione di bene comune, che si realizza ogni giorno attraverso il governo diretto di cittadini e cittadine, richiede di immaginare nuove forme.
Ribaltare ciò che c’è e che possiamo usare, trasformando il concetto di proprietà, per innovare radicalmente le forme di governo del territorio.
Rivoltare le categorie normative di pubblico e privato, dando forma a una diversa categoria, in cui la proprietà di un bene non sia definitiva e chiusa, ma determinata dalla partecipazione alle pratiche che lo animano.
Rovesciare l’idea di prorietà, da sinonimo di profitto, a garanzia della sua assenza, in favore dell’uso collettivo.

È una sfida unica, alla quale stiamo lavorando con il supporto di Mietshäuser Syndikat https://www.syndikat.org/en/ , un’organizzazione che investe in progetti di acquisizione di immobili nell’ottica di gestirli come proprietà comuni, togliendoli per sempre dal mercato immobiliare. Negli ultimi 20 anni, Mietshäuser Syndikat ha acquistato con le comunità di cittadine/i interessate/i, 121 palazzi in Germania, Olanda, Francia e Austria.

La Palazzina di Viale Molise 68 è nelle disponibilità di Sogemi, Società partecipata dal Comune di Milano.
Dunque a Sogemi e al Comune di Milano avanziamo pubblicamente la richiesta di aprire un tavolo che discuta le modalità di questa acquisizione.
Alla città, a tutte e tutti noi, lanciamo questa sfida, costi quel che costi: rivoltare il diritto.

#rivoltareèundiritto
#costiquelchecosti
#iostoacasana

ˇˇˇenglish versionˇˇˇ

The right to scandal: let’s buy Macao!

We want Macao, because not wanting it would be insane.
Because we love it and you love it.
Because it represents care, imagination, action.

Over the past five years, Macao has built and nurtured a kind of contradiction—to become a fixed place for experimentation and for unexpected forms of work, relationships, and politics; a place of inquiry into the conditions of the present; a place where people have, in their own time and on their own terms—with their body, mind, and hearts—created something fundamental and accessible for everyone.

We are serious; we are tired of halfway relationships. We want it all and we want to dare, to turn the law inside out. In resistance against the possible sale of the Liberty buildings by Sogemi, we want to make Macao a resource for the city, unsellable and unchallengeable. Let’s buy it ourselves!

We are thinking about how to keep this space, which is, in the first place, a way of living. More than a building, this is a space of relationships, a point of reference that the city’s residents can pass through.

We want to preserve this place because it has a history, it has a present, and from within it we can imagine a future. Because of this, we cannot allow X to be sold according to speculative logic, which would neglect its human, political, and cultural value. Today Macao is a space continually crossed by people, projects, and visions. Macao is no longer a private place for the few — for the past five years, it has become a public space for the many.

We realize that preserving this space and putting its vocation as a common good into action — carried out every day by the direct government of citizens — demands that we envisage new forms.

Turning inside out what we already have and what we can put to use, to transform the concept of property and radically innovate the forms of urban governance.

Turning upside down the old categories of public and private, giving meaning to a new, alternative and lived category, where the property of a good will not be closed or definitive, but determined by the practices that shape it.

Turning inside out the idea of property, to no longer be synonymous with profit, but rather to guarantee its absence, in favour of collective use and cultural value.

It’s a bold challenge, which we are working towards with the support of Mietshäuser Syndikat, an organization that invests in acquiring buildings with the aim of managing them as common goods, taking them off the real estate market. Thanks to forms of community self-organisation, X has acquired 121 buildings in Germany, Holland, France, and Austria, over the past twenty years.

At the moment Macao is legally controlled by Sogemi, a private company publicly owned by the Municipality of Milano.
Therefore, we publicly address to Sogemi and to the Municipality of Milano the request to establish an open dialogue to discuss the forms of this acquisition.
To the city, and to all of us, we propose this challenge — whatever may be the cost: to turn the law inside out.

MACAO

Nuovo centro per le arti, la cultura
e la ricerca di Milano

viale Molise 68
20137 Milano

organizzazione.macao@gmail.com

ASSEMBLEA

Ogni martedì dalle 21.30