Progetti Da quassù la Terra è bellissima

Diritti per tutt*, fascisti su Nettuno!

Ieri pomeriggio, durante lo svolgimento dell’iniziativa organizzata dalla rete Nessuna Persona è Illegale, all’interno di Palazzo Marino un gruppo di almeno 20 militanti neofascisti, infiltratisi alla spicciolata tra il pubblico del consiglio comunale, ha attaccato fisicamente, colpendo con pugni anche un membro dell’Anpi di 70 anni, la delegazione invitata dal Capo di Gabinetto del Sindaco ad illustrare i contenuti del presidio e la richiesta di applicazione del diritto di residenza anagrafica >> https://www.facebook.com/notes/nessuna-persona-è-illegale/la-residenza-anagrafica-e-un-diritto-negato/400247753703301
C’è da chiedersi come sia possibile che nei corridoi della sede del Comune di Milano possa verificarsi un’aggressione di stampo squadrista, con tanto di protezione da parte di reparti della polizia, organizzata per spostare l’attenzione dal tema della residenza, trasformando una giornata di mobilitazione su un diritto fondamentale che interessa migliaia di persone in una questione di mero ordine pubblico, gestito in modo perlomeno superficiale se non addirittura strumentale.
Bisognerebbe rispondersi che buona parte delle responsabilità politiche rispetto allo spazio di agibilità che i gruppi neofascisti ritengono di essersi conquistati in questi anni stanno nello sdoganamento istituzionale avvenuto sia a livello locale che nazionale, di idee e personaggi che nulla hanno a che vedere con una società libera, laica e civile.
Le concessioni di spazi da parte di alcuni Consigli di Zona ad associazioni che fanno riferimento a gruppi o partiti neofascisti, il supporto e le candidature nelle liste elettorali offerte dalla Lega Nord a Lealtà e Azione o Casapound a livello territoriale, l’alta visibilità mediatica garantita a posizioni razziste, omofobe e sessiste e la concessione del patrocinio ad iniziative di questo tipo da parte della Regione Lombardia, l’atteggiamento “possibilista” della questura rispetto a parate e commemorazioni nostalgiche del ventennio, l’accreditamento come interlocutori, sul piano culturale, di personaggi legati a Casapound da parte di importanti esponenti dello stesso Pd milanese sono tasselli che vanno a creare le condizioni per azioni come quella di ieri e vanno, quindi, considerati inaccettabili nella nostra città come altrove.
Il fascismo non può e non deve essere considerato come una delle posizioni possibili sul tavolo del dibattito politico, i fascisti non possono e non devono essere considerati come interlocutori accreditati dalle istituzioni dei territori in cui viviamo.
Diritti per tutt*, fascisti su Nettuno!
qui la nota di "Nessuna persona è illegale" ->https://www.facebook.com/notes/nessuna-persona-%C3%A8-illegale/neofascisti-aggrediscono-la-delegazione-di-nessuna-persona-%C3%A8-illegale-allinterno/401580446903365/

MACAO

Nuovo centro per le arti, la cultura
e la ricerca di Milano

viale Molise 68
20137 Milano

organizzazione.macao@gmail.com

ASSEMBLEA

Ogni martedì dalle 21.30